Leggi, Scarica E Guarda

Leggi, Scarica E Guarda

SCARICARE RICEVUTA CONCORSO CARDARELLI

Posted on Author Dourn Posted in Multimedia


    Contents
  1. Ospedale del Mare, Verdoliva mette alla porta 120 precari
  2. Organizzazione comunicati attività
  3. CONCORSI PER LA COPERTURA DI 60 POSTI DI OSS E DI 20 POSTI DI INFERMIERE
  4. Cardarelli di Napoli 60 posti per OSS

E' inoltre possibile scaricare la ricevuta della domanda in formato PDF. STAMPA DELLA RICEVUTA DI PARTECIPAZIONE AD UN CONCORSO. E' possibile. E' possibile stampare la ricevuta di iscrizione ad un concorso anche in Dopo qualche istante sarà possibile visualizzare o scaricare la copia. CONCORSI PER LA COPERTURA DI 60 POSTI DI OSS E DI 20 POSTI DI INFERMIERE. 30/08/ AVVISO: PER PRESENTARE LA PROPRIA. RIMODULAZIONE COMMISSIONE ESAMINATRICE. Download. Avviso prova colloquio. rinvio prova orale prevista per il 27/06/.

Nome: ricevuta concorso cardarelli
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 54.73 MB

Responsabilità di applicazione 3. Responsabilità di redazione 3. Responsabilità di approvazione SPP 4. Riferimenti normativi 4. Riferimenti bibliografici 4.

Ospedale del Mare, Verdoliva mette alla porta 120 precari

I suddetti controlli devono essere ripetuti periodicamente; è bene che tali operazioni siano eseguite anche dai lavoratori utilizzatori i quali devono segnalare le eventuali anomalie riscontrate Movimentazione delle bombole Cosa fare Tutte le bombole devono essere provviste dell'apposito cappellotto di protezione delle valvole, che deve rimanere sempre avvitato tranne quando il recipiente è in uso, o di altra idonea protezione, ad esempio maniglione, cappellotto fisso.

Le bombole devono essere maneggiate con cautela evitando gli urti violenti tra loro o contro altre superfici, cadute od altre sollecitazioni meccaniche che possano comprometterne l'integrità e la resistenza.

Eventuali sollevamenti a mezzo gru, paranchi o carrelli elevatori devono essere effettuati impiegando esclusivamente le apposite gabbie, o cestelli metallici, o appositi pallets.

Cosa non fare Le bombole non devono essere sollevate dal cappellotto, né trascinate, né fatte rotolare o scivolare sul pavimento. Per sollevare le bombole non devono essere usati elevatori magnetici né imbracature con funi o catene. Le bombole non devono essere maneggiate con le mani o con guanti unti d'olio o di grasso: questa norma è particolarmente importante, quando si movimentano bombole che contengono gas ossidanti.

Una bombola non deve mai essere spostata se non è equipaggiata del suo tappo di sicurezza e del suo cappellotto di protezione della valvola. Il personale incaricato di queste movimentazioni deve essere equipaggiato di appositi dispositivi di protezione individuale scarpe e guanti Uso delle bombole Cosa fare Durante l uso le bombole devono essere tenute in posizione verticale. Una bombola, prima dell utilizzo deve essere assicurata ad una parete, ad un palco o ad un qualsiasi supporto solido, mediante catenelle o con altri arresti efficaci, salvo che la forma della bombola ne assicuri la stabilità.

Le bombole devono essere protette contro qualsiasi tipo di manomissione provocato da personale non autorizzato. Prima di collegare il riduttore di pressione verificare che il raccordo di uscita dalla valvola e il riduttore stesso siano esenti da sporcizia, grassi, oli, ecc. Prima di aprire le valvole, disporsi sempre in posizione opposta al riduttore di pressione. Le valvole delle bombole devono essere sempre tenute chiuse, tranne quando la bombola è in utilizzo.

L'apertura delle valvole delle bombole a pressione deve Revisione 0 Pag. Si ricorda che la sequenza da seguire nell apertura delle valvole è la seguente: - aprire in senso anti-orario la valvola posta sulla bombola; - aprire in senso orario la valvola a spillo del riduttore; - aprire in senso anti-orario la manopola di regolazione della pressione.

Prima di restituire una bombola vuota, l'utilizzatore deve assicurarsi che la valvola sia ben chiusa, quindi avvitare l'eventuale tappo cieco sul bocchello della valvola ed infine rimettere il cappellotto di protezione. Cosa non fare Le bombole contenenti gas non devono essere esposte all'azione diretta dei raggi del sole, né tenute vicino a sorgenti di calore o comunque in ambienti in cui la temperatura possa raggiungere o superare i 50 C.

Le bombole non devono mai essere collocate dove potrebbero diventare parte di un circuito elettrico. Quando una bombola è usata in collegamento con una saldatrice elettrica, non deve essere messa a terra questa precauzione impedisce alla bombola di essere incendiata dall'arco elettrico. È assolutamente vietato portare una fiamma al diretto contatto con la bombola.

Le bombole non devono essere raffreddate artificialmente a temperature molto basse molti tipi di acciaio perdono duttilità e infragiliscono a bassa temperatura. Le bombole non devono essere usate come rullo, incudine, sostegno o per qualsiasi altro scopo che non sia quello di contenere il gas per il quale sono state costruite e collaudate. L'utilizzatore non deve cancellare o rendere illeggibili le scritte, né asportare le etichette, le decalcomanie, o i cartellini applicati sulle bombole dal fornitore per l'identificazione del gas contenuto.

L'utilizzatore non deve cambiare, modificare, manomettere, tappare i dispositivi di sicurezza eventualmente presenti; in caso di perdite di gas contattare il fornitore per istruzioni.

L'utilizzatore non deve eseguire mai riparazioni sulle bombole e sulle valvole. Non devono essere montati riduttori di pressione, manometri, manichette od altre apparecchiature previste per un particolare gas o gruppo di gas su bombole contenenti gas con proprietà chimiche diverse e incompatibili. Non devono mai essere usate chiavi od altri attrezzi per aprire o chiudere valvole munite di volantino; se le valvole presentano resistenza nell aprirsi o si presentano grippate per motivi di corrosione, contattare il fornitore per istruzioni.

Non effettuare mai travasi di gas da un recipiente ad un altro. La lubrificazione delle valvole non è necessaria.

I locali di deposito devono essere asciutti, freschi, ben ventilati e privi di sorgenti di calore, quali tubazioni di vapore, radiatori, ecc.

I locali di deposito, devono essere contraddistinti con il nome del gas posto in stoccaggio. Se in uno stesso deposito sono presenti gas diversi, ma compatibili tra loro, le bombole devono essere raggruppate secondo il tipo di gas contenuto. Le bombole non devono essere conservate in locali dove si trovano materiali combustili o sostanze infiammabili.

Organizzazione comunicati attività

Nei locali di deposito devono essere tenuti separati le bombole piene da quelle vuote, utilizzando adatti cartelli murali per contraddistinguere i rispettivi depositi di appartenenza. Nei locali di deposito, le bombole devono essere tenute in posizione verticale ed assicurate alle pareti con catenelle od altro mezzo idoneo, per evitarne il ribaltamento, quando la forma del recipiente non sia già tale da garantirne la stabilità.

I locali di deposito di bombole contenenti gas pericolosi e nocivi infiammabili, tossici, corrosivi devono essere sufficientemente isolati da altri locali o luoghi di lavoro e di passaggio ed adeguatamente separati gli uni dagli altri.

I locali di deposito di bombole contenenti gas pericolosi e nocivi devono essere dotati di adeguati sistemi di ventilazione. In mancanza di ventilazione adeguata, devono essere installati apparecchi indicatori e avvisatori automatici atti a segnalare il raggiungimento delle concentrazioni o delle condizioni pericolose.

Nei locali di deposito di bombole contenenti gas pericolosi e nocivi devono essere affisse norme di sicurezza concernenti le operazioni che si svolgono nel deposito per esempio: movimentazione, trasporto, ecc. Cosa non fare Le bombole contenenti gas non devono essere esposte all'azione diretta dei raggi del sole, né tenute vicino a sorgenti di calore o comunque in ambienti in cui la temperatura possa raggiungere o superare I 50 C.

Le bombole non devono essere esposte ad un umidità eccessiva, né ad agenti chimici corrosivi. La ruggine danneggia il mantello del recipiente e provoca il bloccaggio del cappellotto. È vietato lasciare le bombole vicino a montacarichi, sotto passerelle, o in luoghi dove oggetti pesanti in movimento possano urtarli e provocarne la caduta. Nessuna 7. Rischi principali per la persona 6. Comportamenti di prevenzione dal rischio elettrico 6. Comportamenti da seguire in presenza di anomalie 7.

Cardarelli ed in tutti i luoghi di pertinenza dell Azienda. È fatto obbligo, a qualsiasi destinatario della presente procedura, attenersi scrupolosamente a quanto indicato, consultando eventualmente il preposto o il Servizio di Prevenzione Protezione qualora le indicazioni di sicurezza non possano essere applicate per problemi particolari o siano ritenute insufficienti Responsabilità di redazione La responsabilità dell aggiornamento della presente procedura è a carico del Servizio di Prevenzione e Protezione.

Responsabilità di approvazione SPP La responsabilità dell approvazione SPP delle procedure che dovessero nascere quale integrazione della presente è a carico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Riferimenti normativi 4. ATI: Coordinamento Attività Tecniche Integrate attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto destinato ad essere usato durante il lavoro; uso di una attrezzatura di lavoro: qualsiasi operazione lavorativa connessa ad una attrezzatura di lavoro, quale la messa in servizio o fuori servizio, l'impiego, il trasporto, la riparazione, la trasformazione, la manutenzione, la pulizia, il montaggio, lo smontaggio; Revisione 0 Pag.

I sistemi principali adottati per evitare i rischi legati alla presenza di impianti ed attrezzature elettriche sono: la conformità degli impianti con le vigenti normative; l acquisizione di apparecchiature elettriche provviste di marcata CE. La marcatura attesta la rispondenza del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza richiesti dalle direttive comunitarie applicabili al prodotto ed è la condizione necessaria per l immissione e la libera circolazione dei prodotti sul mercato.

Numerosi apparecchi, oltre alla marcatura CE riportano marchi volontari di organismi riconosciuti italiani o europei, ad ulteriore garanzia della verifica sulle caratteristiche di qualità e sicurezza del prodotto condotta da un organismo certificatore terzo Rischi principali per la persona Contatto Diretto: toccando, ad esempio, due contatti di una presa due fili elettrici scoperti il corpo umano è sottoposto al passaggio di una corrente elettrica, provocando una "scossa elettrica", la quale produce una sensazione dolorosa ed è sempre pericolosa e talvolta mortale.

Quando il corpo umano è in collegamento più o meno diretto con il terreno, per esempio indossando scarpe non isolanti, toccando un solo contatto della presa o un solo filo scoperto o qualsiasi elemento in tensione si verifica lo stesso fenomeno sopra specificato; in tale caso la corrente elettrica passa dall elemento in tensione attraverso il corpo umano a terra.

In questi casi toccando l involucro dell apparecchio guasto, il corpo umano è sottoposto al passaggio di una corrente verso terra, sempre che il corpo non sia adeguatamente isolato dal suolo.

Guarda questo:SCARICA SWISH

È quindi importante la disponibilità e la conoscenza del manuale di istruzioni. Non usare macchine o impianti senza l'autorizzazione e non eseguire operazioni di cui non si sia perfettamente a conoscenza.

E' vietato usare attrezzature elettriche personali senza autorizzazione preventiva del datore di lavoro. Prima di usare qualsiasi apparecchiatura elettrica controllare che non vi siano cavi, spine, prese di corrente, interruttori senza protezione. Controllare che non vi siano cavi con le guaine di isolamento danneggiate.

L'apparecchiatura deve essere collegata direttamente alla presa della corrente, senza adattatori e prolunghe. Se una spina non entra comodamente in una presa, non tentare l'inserimento ma segnalare l'inconveniente. Non è permesso collegare fra loro più prese e attorcigliare i cavi elettrici molto lunghi. I cavi elettrici devono essere posizionati in modo che l isolamento non possa essere danneggiato e che non possano essere tranciati e non devono essere di ostacolo o fonte di rischio di inciampo Il cavo di un'apparecchiatura non deve giungere alla presa restando teso.

Disconnettere le attrezzature disinserendo la spina senza tirare il cavo. Quando possibile dopo l utilizzo, le apparecchiature devono essere scollegate dalla rete elettrica.

Le apparecchiature elettriche non devono essere abbandonate collegate. Non usare acqua per spegnere un incendio su linee o apparecchiature elettriche. Interrompere la corrente elettrica prima di soccorrere una persona folgorata e chiamare immediatamente l'ambulanza Comportamenti da seguire in presenza di anomalie Prevenire gli incidenti dovuti all elettricità è possibile.

I principali sono: sensazione di formicolio mentre si sta toccando un apparecchio elettrico od una parte dell impianto che non dovrebbe essere in tensione.

Questo pericoloso inconveniente è generato da una perdita di isolamento di un apparecchio elettrico o di una parte dell impianto elettrico; apparecchi elettrici o parti dell impianto che risultano al tatto più caldi del normale. Inconvenienti su cavi elettrici o prolunghe: nel caso si avverta un anormale innalzamento della temperatura dei cavi o delle prolunghe che collegano gli apparecchi elettrici all impianto, occorre scollegarli e farli verificare.

Surriscaldamento dei componenti elettrici: il surriscaldamento anormale di portalampade, spine, prese, adattatori, prese multiple, ciabatte, ecc.

CONCORSI PER LA COPERTURA DI 60 POSTI DI OSS E DI 20 POSTI DI INFERMIERE

Prima di reinserire l interruttore generale occorre individuare ed eliminare, se possibile, la causa del disservizio; effetto flicker sfarfallamento o oscuramento delle luci; rumori ed odori insoliti provenienti dall impianto o dalle attrezzature collegate; segni di bruciature sulle spine o le prese di corrente o su qualsiasi altra parte dell impianto elettrico e delle apparecchiature nerofumo ; mancanza improvvisa di energia elettrica; danneggiamento degli isolamenti come cavi od interruttori che mostrano conduttori scoperti.

Integrità e funzionalità dei componenti fissati a parete: in nessun punto del luogo di lavoro l utente, agendo su interruttori, prese o altri dispositivi, Revisione 0 Pag. Per questo motivo, prima di manipolare o toccare tali componenti, occorre verificare che essi siano integri e perfettamente fissati alla loro sede, in modo che non tendano a sfilarsi dalla parete. Nel caso si presentasse uno qualunque di questi segnali che indica un possibile inconveniente nell impianto elettrico occorre rivolgersi immediatamente i servizi preposti.

Cardarelli di Napoli 60 posti per OSS

Il posto di lavoro al VDT e l ambiente di lavoro 6. Le componenti del posto di lavoro 6. La sistemazione del posto di lavoro al VDT 6. Le posizioni corrette da tenere durante l utilizzo della postazione di lavoro al VDT 7.

OGGETTO E SCOPO Descrivere i contenuti standard, i requisiti essenziali, fornire indicazioni eventualmente anche operative e definire le modalità impiegate allo scopo di ridurre le probabilità d incidenti e danni a cose e persone durante l utilizzo delle postazioni di lavoro al videoterminale VDT ed assicurare che le attività siano svolte secondo quanto definito rispetto a tale intento.

Cardarelli Qualora una U. È fatto obbligo, a qualsiasi destinatario della presente procedura, attenersi scrupolosamente a quanto indicato, consultando eventualmente il preposto o il Servizio di Prevenzione Protezione qualora le indicazioni di sicurezza non possano essere applicate per problemi particolari o sono ritenute insufficienti Responsabilità di redazione La responsabilità dell aggiornamento della presente procedura è a carico del Servizio di Prevenzione e Protezione.

Lgs: Decreto Legislativo dirigente: persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l attività lavorativa e vigilando su di essa Revisione 0 Pag. Il dolore di chi è malato giungeva a lui come il grido di un fratello a cui un altro fratello, il medico, doveva accorrere con l'ardore dell'amore.

Il movente della sua attività come medico non fu dunque il solo dovere professionale, ma la consapevolezza di essere stato posto da Dio nel mondo per operare secondo i suoi piani, per apportare quindi, con amore, il sollievo che la scienza medica offre nel lenire il dolore e ridare la salute.

Altre reliquie del santo si conservano nella Parrocchia dei SS. Josephi Moscati e nella cappella del policlinico di Catanzaro frammento del camice [50]. Di sèguito è riportato un elenco delle pubblicazioni compilato dallo stesso Giuseppe Moscati [51] : Ureogenesi epatica, Tesi di laurea pubblicata; Un nouvel appareil pour la détermination des sucres même en petites quantités, , estratto da: "Archives Internationale de Physiologie"; La salda d'amido iniettata nell'organismo.

Effetti sulla coagulazione del sangue, ricerche sperimentali del dott. Giuseppe Moscati, Napoli, Tip. Tocco e Salvietti, , estratto dagli: "Atti della R.

Accademia Medico-Chirurgica di Napoli" n. Valore medico legale: ricerche sperimentali del Dott. Verlauf und Mechanismus seines Verschwindwns nach der Austreibung. Gerichtlich medizinische Bedeutung, estratto da: "Hoppe-Seyler's Zeitschr.

Chemie", ; Quantità del glicogeno nei muscoli dell'uomo andamento della sua scomparsa dopo la morte: ricerche sperimentali del Dott. II; Influenza della cloroformizzazione nel glicogeno muscolare, Napoli, ; L'ammoniaca dell'urina nelle varie diete, estratto da: "Giornale Internazionale di Scienza Medica", ; Influenza del riposo e del movimento sulla eliminazione di ammoniaca con l'urina, estratto da: "Giornale Internazionale di Scienza Medica", ; L'urea: ricerche sperimentali, estratto da: "Giornale Internazionale di Scienza Medica", ; Penetrazione di amido nelle vie aeree, estratto da: "Nuova Rivista Clinico-terapeutica", ; Potere d'assorbimento della cistifellea, estratto da: "Riforma Medica", ; Indagine chimico-fisica del peptone nell'urina, estratto da: "Riforma Medica", ; Azione della chimica sull'autolisi epatica e splenica.


Articoli popolari: